Skip to content

La struttura narrativa: come si crea una storia

struttura narrativa

The universe is made of stories, not atoms. Muriel Rukeyser (1913–1980)

Partiamo da un domanda: che cosa, esattamente, rende una storia tale? 

Anche se noi raccontiamo storie sin dall’inizio della storia, non abbiamo osservato la loro struttura fino al 335 aC circa. Questo è quando Aristotele ha affermato che tutte le storie hanno un inizio, un intermezzo e una fine.

“Dopo aver definito queste cose, diciamo quale debba essere la composizione dei fatti, giacché questa è la parte prima e più importante della tragedia. È stato da noi convenuto che la tragedia è imitazione di un’azione compiuta e costituente un tutto che abbia una certa grandezza, giacché può esserci anche un tutto che non ha nessuna grandezza. Ma il tutto è ciò che ha principio, mezzo e fine. Principio è quel che non deve di necessità essere dopo altro, mentre dopo di esso per sua natura qualche altra cosa c’è o nasce; fine al contrario è quel che per sua natura è dopo altro o di necessità o per lo più, mentre dopo di esso non c’è niente; mezzo poi è quel che è esso stesso dopo altro e dopo di esso c’è altro. E dunque i racconti composti bene non debbono né incominciare donde capita né finire dove capita, ma valersi delle forme ora indicate.”

E dai giorni di Aristotele, abbiamo approfondito la struttura delle storie e abbiamo imparato che non è solo “circa l’inizio, il centro e la fine”. Una buona storia ha anche un arco narrativo.

5 elementi classici della struttura narrativa

Una struttura narrativa tradizionale ha cinque elementi disposti immaginariamente su un arco:

Esposizione. Questa è l’introduzione del lettore alla storia. L’esposizione offre informazioni di base per incuriosire il pubblico sul resto della storia, tra cui l’introduzione dei personaggi principali (il “chi”), l’impostazione (il “dove”) e le circostanze o il periodo di tempo (il “quando”) .

Azione crescente. Qui è quando il conflitto inizia a salire. L’azione crescente di solito inizia con quello che viene chiamato un “incidente scatenante”, ovvero l’evento che mette in moto i principali eventi della storia. Il pubblico a questo punto inizia a vedere di cosa tratta davvero la tua storia.

Climax. Questo è il punto più alto di tensione nella trama, e spesso il punto in cui convergono tutte le diverse sottotrame ed i personaggi. In genere, il climax richiede che il personaggio principale affronti la verità o faccia una scelta importante.

Azione calante. Si tratta di ciò che accade a seguito della decisione del protagonista. Durante l’azione calante, il conflitto lascia il posto alla risoluzione. La tensione inizia a dissiparsi.

Risoluzione. Ecco come finisce la tua storia. La risoluzione di un arco narrativo non è sempre felice, ma chiude il ciclo e mostra come gli eventi della storia hanno cambiato i personaggi e il mondo che li circonda.

Questa struttura narrativa (arco narrativo) è stata resa famosa dallo scrittore tedesco Gustav Freytag.

arco narrativo

Le storie traggono vantaggio dalla cognizione (processo di acquisizione di conoscenze e comprensione) umana. Costruiscono connessioni e contesto intorno ai fatti per renderli più memorabili.

Le storie che sono personali e coinvolgenti emozionalmente coinvolgono maggiormente il cervello del pubblico, e quindi sono  ricordate meglio, rispetto ad un semplice elenco di fatti.

Secondo Bruner il pensiero narrativo è uno dei due modi principali di pensiero con cui gli esseri umani organizzano e gestiscono la loro conoscenza del mondo, anzi strutturano la loro stessa esperienza immediata.

Nel 1991, Bruner ha pubblicato un articolo in Critical Inquiry intitolato “The Narrative Construction of Reality“. In questo articolo, ha sostenuto che la mente struttura il suo senso della realtà attraverso la mediazione di “prodotti culturali, come il linguaggio e altri sistemi simbolici”. Bruner si concentra in particolare sull’idea di narrativa come uno di questi prodotti culturali. Definisce la narrazione attraverso 10 elementi:

  • Sequenzialità: l’idea che le narrazioni avvengano nella direzione del tempo.
  • Particolarità: l’idea che le narrazioni trattino eventi particolari, sebbene alcuni eventi possano essere vaghi e generali.
  • Intenzionalità: il concetto che i personaggi all’interno di una narrazione abbiano “credenze, desideri, teorie, valori e così via” (7).
  • Componibilità ermeneutica: la teoria secondo cui le narrazioni possono essere interpretate come una serie selezionata di eventi che costituiscono una “storia” (il tutto).
  • Canonicità e violazione: l’affermazione secondo cui le storie riguardano qualcosa di insolito che “viola” lo stato canonico (cioè normale).
  • Referenzialità: il principio secondo cui una storia fa riferimento in qualche modo alla realtà (verosimiglianza), sebbene non in modo diretto.
  • Generalità: iquesta è la caratteristica della narrativa in base alla quale la storia può essere classificata come un genere.
  • Normatività: l’osservazione che la narrazione in qualche modo suppone un’affermazione su come si dovrebbe agire. Ciò deriva dalla canonicità e dalla violazione.
  • Sensibilità al contesto e negoziabilità: correlata alla componibilità ermeneutica, questa è la caratteristica per cui la narrativa richiede un ruolo negoziato tra autore o testo e lettore, inclusa l’assegnazione di un contesto alla narrazione e idee come la sospensione dell’incredulità.
  • Accantonamento narrativo: infine, l’idea che le storie siano cumulative, cioè che nuove storie seguano da quelle più vecchie.

Bruner osserva che queste dieci caratteristiche descrivono in maniera immediata la narrazione e la realtà costruita e posta dalla narrativa, che a sua volta ci insegna la natura della realtà costruita dalla mente umana attraverso la narrazione.

Narrare per stimolare il cambiamento

La narrazione è da sempre usata dall’essere umano. È uno strumento importante di interpretazione della realtà per interagire con il mondo sociale nel quale noi esseri umani viviamo. È dunque un modo per comprendere tutto quanto ci circonda e per trasmetterlo agli altri.

La narrazione diventa uno strumento fondamentale per la costruzione di significati e per facilitare i processi di cambiamento sociale e organizzativo. Le storie sono un modo efficace per trasmettere informazioni e valori importanti.

Ciò significa che anche se il tuo pubblico parte con un atteggiamento critico, usando una tecnica di narrazione puoi spostare l’umore del tuo pubblico verso empatia, cooperazione e sostegno al tuo messaggio. Conoscere ed interpretare la struttura narrativa è un ottimo punto di partenza per creare storie che producano coinvolgimento e stimolino il cambiamento.

 

Vuoi migliorare la tua capacità di scrittura? Leggi anche questo articolo.