Skip to content

Learner Personas, cosa sono e come usarle

Learner Personas

«Una Learner Persona è essenzialmente il rappresentante di una tipologia di utenti che voi identificate come aventi un interesse specifico verso un vostro corso online, oppure un gap di competenze che i vostri corsi o servizi formativi sono in grado di colmare»

Le Learner Personas sono un concetto relativamente nuovo ed al contempo rivoluzionario nel mondo dell’Instructional Designer. In questo articolo spiego cosa sono e a cosa servono. Ma facciamo un passo indietro e chiediamoci:

Conosciamo veramente i nostri utenti?

Per rispondere a questa domanda che può apparire semplice, facciamo un’incursione nel mondo del marketing

Ogni strategia di marketing contempla un elemento fondamentale: il target. Nelle moderne strategie di marketing infatti, non è il prodotto la stella polare, ma i clienti. Dunque una bravo marketer deve imparare a conoscere i suoi potenziali clienti attraverso una ricerca a tutto tondo, che prenda in considerazione non solo criteri demografici (età, genere) e sociologici (famiglia, ambiente di vita, abitudini), ma anche stili di vita, linguaggio, confidenza con i mezzi informatici, obiettivi personali o ogni altra cosa possa essere utile per ottenere informazioni preziose.

Per farlo si utilizzano delle rappresentazioni sintetiche di alcuni potenziali clienti. Queste rappresentazioni vengono chiamate Buyer Personas.

«Una Buyer Persona è essenzialmente il rappresentante di una tipologia di clienti che voi identificate come aventi o un interesse specifico verso la vostra organizzazione o per i vostri prodotti, oppure un problema di mercato che i vostri prodotti o servizi sono in grado di risolvere»

Di fatto, creare delle Buyer Personas significa compilare delle schede che descrivono un soggetto includendo:

  • variabili socio-demografiche
  • descrizione dello stile di vita
  • un’analisi SWOT rispetto alla sua posizione nei confronti del tuo prodotto o servizio

Nelle schede dei tuoi buyer è bene includere anche una sezione che riassuma quali sono i temi centrali più importanti per lui/lei rispetto al tuo business.

Le Buyer Personas vanno dunque definite in modo concreto: devono avere un nome, un’immagine fisica, una professione, una situazione familiare, degli obiettivi di vita e delle necessità concrete.

Come le utilizzano i marketers?

I marketers usano le Buyer Personas per adattare i contenuti, la messaggistica, lo sviluppo di prodotti e servizi per soddisfare le esigenze, i comportamenti e le preoccupazioni dei membri del tuo pubblico di destinazione.

Per approfondire https://blog.hootsuite.com/buyer-persona/

Dalle Buyer alle Learner Personas

Torniamo dunque al learning design. Puoi sfruttare il modello consolidato e vincente delle Buyer Personas, per costruire delle Learner Personas ovvero delle rappresentazioni della tua base di utenti, cioè dei tuoi studenti:

  • Chi sono? 
  • Cosa gli piace? 
  • Cosa li motiva? 
  • Cosa li frustra? 
  • Usano la tecnologia? 
  • Quali sono i loro obiettivi di apprendimento? 
  • Perché usano il tuo sistema di apprendimento? 

Le Personas possono rispondere a tutte queste domande e ad altre ancora, aiutandoti a prendere decisioni sul tipo di formazione da costruire, sui contenuti da trattare e sul formato da utilizzare.

La creazione delle Learner Personas può aiutarti a diventare più consapevole in merito al tuo pubblico. Pensare a ciò di cui ha bisogno un particolare gruppo e a come reagirà mentre procede attraverso un corso, ti fornisce un focus tangibile per il design. Con una Persona in mente, come designer puoi costruire lezioni più coinvolgenti e scoprire nuovi modi in cui gli studenti possono acquisire e costruire conoscenze.

Come costruire le Learner Personas

Ci sono molti modi per creare personaggi, ma ne condivideremo uno basato sul processo definito dalla dottoressa Lene Nielsen.

Raccogli dati quantitativi sugli utenti. Quanti sono gli utenti che hanno accesso al tuo sistema di e-learning? Cosa fanno abitualmente  all’interno dell’LMS? Quali attività stanno svolgendo? Quali argomenti o categorie gli piacciono? In genere puoi rispondere a queste domande generando dei report nel tuo sistema di gestione della formazione.

Raccogli dati qualitativi sugli utenti. Se possibile, conduci focus group, interviste individuali e sondaggi. Poni domande dirette ai tuoi utenti. Cosa li motiva? Di quali informazioni hanno bisogno?

Cerca tematiche ricorrenti nei dati e raggruppa i tuoi utenti in base a questi temi. Dove puoi trovare i gruppi più numerosi di utenti? Probabilmente una buona percentuale dei tuoi utenti riferisce di accedere al sistema LMS solo perché le Risorse Umane chiedono di seguire un corso obbligatorio. O forse hai un gruppo di utenti piuttosto numeroso che ama imparare cose nuove e renderle parte della loro vita quotidiana. Probabilmente a loro piace apprendere in classe. Forse odiano guardare i TED Talks. 

Quali sono le tematiche ricorrenti che trovi mentre parli con i tuoi utenti? Costruisci la tua persona utilizzando i temi che hai identificato. Quindi, inizia ad inserire sempre più informazioni nella Persona sulla quale stai lavorando. 

Sviluppa un personaggio a tutto tondo che non sia basato su una persona reale o uno stereotipo. Dai a quella persona un nome ed associa una fotografia.

Ti ritroverai con qualcosa di simile all’esempio seguente.

Learner Personas

A questo punto, ripeti l’esercizio più volte e crea una raccolta di Learner Personas diversificata, così come gli utenti per i quali stai progettando contenuti formativi.

Condividi le Learner Personas con il tuo team eprovate insieme a verificare se ciascuna Persona corrisponde ad almeni un utente reale!

Usare le Learner Personas per il learning design

Le Learner Personas servono per creare scenari di apprendimento o quando occorre prendere decisioni sui programmi di formazione e sviluppo

Usiamo ad esempio Elisa (dalla persona sopra). Se stessimo creando un programma di formazione alla leadership, cosa vorremmo prendere in considerazione per lei? Mi vengono in mente alcune cose:

Dal momento che non si trova a suo agio con la formazione online, prova a semplificare la struttura dei contenuti, privilegiando contenuti brevi ed autoconclusivi (microlearning).

Inoltre, trova difficile implementare le nuove prassi digitalizzate. Aumenta quindi lo spazio dato ai tutorial ed alle guide.

Quali altri consigli avresti se stessi sviluppando un programma di formazione per la leadership con Elisa in mente?

Ovviamente, il tuo programma di formazione sulla leadership avrà più di un partecipante … ti consigliamo di prendere in considerazione tutti le tue learner personas per assicurarti che la tua formazione soddisfi le esigenze di tutti i tuoi partecipanti. 

Non sarai in grado di rendere tutti felici, ma utilizzando questi diversi personaggi, puoi creare un’esperienza di apprendimento varia che tenga a mente le diverse simpatie, antipatie, obiettivi e motivazioni.

Photo by Moritz Kindler on Unsplash

Valentina Piccioli

Valentina Piccioli

Sono un Learning Experience Designer. Immagino, disegno e realizzo ambienti di apprendimento online. corsi elearning, app educative. Sono CEO di JustOnearth startup dedicata ai progetti di sostenibilità.